Aperam: utili in calo nel terzo trimestre

Decisamente poco brillante il terzo trimestre 2019 per Aperam, a partire dalle spedizioni di acciaio che sono scese a 418 mila tonnellate, in calo del 10% rispetto al trimestre precedente.

Il fatturato del periodo è stato di 972 milioni di euro (un miliardo e 90 milioni nel 2018), mentre il totale dei nove mesi del 2019 si è fermato a tre miliardi e 240 milioni, 317 in meno dell’anno scorso.

Scendono ovviamente anche gli utili, che si sono attestati a 37 milioni di euro, rispetto ai 57 milioni di euro del secondo trimestre e l’Ebitda che ora è di 79 milioni di euro rispetto ai 95 milioni del periodo precedente ai 123 milioni del terzo trimestre 2018.

L’azienda parla comunque di un «solido flusso di cassa nonostante una depressione stagionale e un mercato competitivo», flusso di cassa che è stato di 70 milioni di euro, rispetto ai 97 milioni del periodo precedente.

Diminuito, infine, l’indebitamento finanziario netto che ora è di 172 milioni di euro rispetto a 176 milioni al 30 giugno.

Timoteo Di Maulo, CEO di Aperam, ha commentato così: «Nonostante la normale recessione stagionale del terzo trimestre, l’intensificazione della pressione delle importazioni e la situazionedel mercato, abbiamo ottenuto risultati solidi e mantenuto l’indebitamento netto a un livello basso. Ciò sottolinea la resilienza del nostro modello di business. In prospettiva, prevediamo che le condizioni della domanda rimangano difficili».

Please follow and like us:
error
Sede provinciale di Terni: Via Annio Floriano 5, 05100 Terni
Tel: 0744-433647 , Fax: 0744-437073, E-mail: terni@fismic.it - Powered by Deegita.com