Corsa a sei per Hayange

Entro pochi giorni si potrebbe finalmente conoscere il destino del polo siderurgico francese di Hayange specializzato nella produzione di rotaie. Il quotidiano Le Figaro ha infatti riportato che da oggi il “Comité social et économique” analizzerà nei dettagli le sei offerte arrivate per rilevare l’asset che è stato slegato dalla cessione di British Steel ai cinesi di Jingye.

Proprio il produttore inglese è in pista per provare a riprendersi l’asset, insieme ad un altro player inglese, la Liberty Steel di Sanjeev Gupta, che vuole ampliare la propria offerta con nuovi prodotti. In pista anche ArcelorMittal, il fondo Greybull (in qualità di proprietario di Ascoval), la tedesca Saarstahl e l’indiana Jindal, anche se non si specifica quale delle varie realtà del gruppo avrebbe presentato l’offerta. Non è da escludere che possa essere JSW che, sull’asse Hayange-Piombino, potrebbe ampliare le proprie quote di mercato sul fronte dei prodotti per i trasporti ferroviari.

Sullo sfondo resta però anche il progetto francese di un polo unico Hayange-Ascoval, su cui sono trapelate indiscrezioni nei giorni scorsi. La partita quindi appare molto aperta, e per tutti i pretendenti il polo francese rappresenta un’ottima occasione di rafforzamento.

Anche per quanto riguarda la cessione di Acciai Speciali Terni «nessuno dei pretendenti parte in vantaggio». A dirlo è stato l’ad dell’azienda Massimiliano Burelli che ha confermato l’interesse informale di quattro realtà: due straniere su cui tiene il riserbo e le italiane Marcegaglia e Arvedi. Burelli ha anche indicato come AST abbia registrato un calo di output del 50% nel mese di aprile e del 30% nel mese di maggio.

Infine cresce l’attesa anche per l’udienza fissata il 2 luglio al tribunale di Milano relativa alla vicenda ex-Ilva. Il giudice Anna Bellesi presiederà il contenzioso legato a una denuncia del Codacons per il mancato accesso agli atti sull’accordo tra ArcelorMittal e il governo dello scorso 4 marzo. Atti che il governo tiene coperti da clausola di stretta confidenzialità dal momento che il confronto è ancora aperto.

Fonte-Siderweb

Please follow and like us:
Sede provinciale di Terni: Via Annio Floriano 5, 05100 Terni
Tel: 0744-433647 , Fax: 0744-437073, E-mail: terni@fismic.it - Powered by Deegita.com