LA TURCHIA CESSI L’AGGRESSIONE AL POPOLO CURDO

Roma, 17 ottobre. Il mondo intero ha il dovere di fermare l’aggressione al popolo curdo, non solo attraverso sanzioni economiche, ma con l’immediato invio di una forza di interposizione che fermi sul campo il massacro.

Questo è particolarmente doveroso in quanto il mondo intero ha un debito di riconoscenza nei confronti del popolo curdo che con coraggio e abnegazione è riuscito a sconfiggere il califfato dell’Isis.

Consideriamo delittuosa l’azione del Presidente Trump che ordinando il ritiro delle truppe americane lungo il confine, ha consentito all’aviazione turca di avere campo libero per bombardare indiscriminatamente bambini, donne e uomini.

Consideriamo altrettanto negativamente l’atteggiamento dell’Europa che con estremo ritardo propone misure inefficaci come quella di promuovere l’embargo per la fornitura di armi alla Turchia solo per il futuro. Anche il governo italiano brilla per la propria assenza condita da parole prive di efficacia che suonano come lacrime di coccodrillo.

Come Fismic Confsal appoggeremo ogni iniziativa utile a far cessare l’aggressione turca nei confronti dei curdi e promuoveremo iniziative di solidarietà.

Fismic Confsal nazionale

Please follow and like us:
error
Sede provinciale di Terni: Via Annio Floriano 5, 05100 Terni
Tel: 0744-433647 , Fax: 0744-437073, E-mail: terni@fismic.it - Powered by Deegita.com